Cromoterapia e Psicologia del Colore

coloriAvresti mai immaginato che una parete colorata può influenzare la tua scelta al ristorante? E non solo: una stanza colorata può accelerare i tuoi battiti cardiaci, renderti più o meno affamato, rilassarti o innervosirti! Si chiama psicologia del colore e consiste in una serie di emozioni che si provano quando si fissa un oggetto, una parete o un logo di un determinato colore, al supermercato, come agli eventi fieristici di settore, la colorazione dei prodotti o degli stand fieristici determinano le scelte.

Su di essa si fonda anche la cromoterapia, la scienza volta a migliorare l’umore in base a determinati colori e a ristabilire gli equilibri del corpo e dell’anima.

In questo post vedremo quali emozioni evocano i colori e come queste sensazioni siano state usate a fini commerciali.

ROSSO

Il rosso è il colore più brillante dello spettro, evoca un sentimento di vitalità, di energia, di eccitazione ed è da sempre associato all’amore e alla passione, stimola un senso di immediatezza (“devi farlo subito”) e talvolta anche di pericolo (ecco perché numerosi segnali stradali hanno questo sfondo).

In presenza di elementi rossi, il nostro battito cardiaco aumenta e si tende a svolgere azioni più rapidamente, inoltre è un colore che stanca l’occhio umano.

Non è il colore ideale per dipingere la tua camera da letto perché ti provocherebbe insonnia e irrequietezza; e nemmeno uno studio: non ti farebbe concentrare bene e renderesti di meno a scuola (perché leggeresti più velocemente e non avresti il tempo necessario per memorizzare!).

Molti brand hanno scelto di adottare loghi o packaging rossi perché, inconsciamente, il consumatore è portato a utilizzare più velocemente il prodotto.

McDonald’s ha come sfondo del logo rosso e anche il packaging degli hamburger e delle patatine è rosso, d’altronde il McDonald’s è una catena fast food e perciò mira a far consumare tanto e velocemente le pietanze.

Un’altra strategia commerciale di McDonald’s sono le decorazioni rosse nel locale (in un ristorante – dove si sta seduti a lungo – non ne troverete quasi mai) e le sedie scomode, come dire “mangia veloce e poi fai spazio ad altri”!

Al contrario, non troverai mai un logo di questo colore per uno studio medico (sarebbe associato al sangue) e di una banca (il rosso si usa solitamente per indicare i conti miseri)!

VERDE

Il verde è uno dei colori più rilassanti e stimola sensazioni di crescita, di tranquillità e di benessere. Inconsciamente leghiamo il verde alle piante, all’erba, alla natura che nasce e cresce maestosa e genuina.

Sono verdi i loghi di prodotti biologici, di ditte di giardinaggio e anche dei servizi di raccolta immondizia differenziata e ti sfido a trovare un’erboristeria con un logo diverso dal verde!

Molte erboristerie recano il colore anche nel proprio nome: “Erboristeria mela verde”, “Erboristeria Verde”, “Il Verde”

I prodotti con packaging verde vogliono far passare il messaggio “compra questo prodotto: è sano, genuino e naturale!”

BLU

Come il verde ricorda la flora rigogliosa, il blu evoca l’acqua e il mare è anch’esso un colore che trasmette calma e riposo ed evoca sensazioni di fiducia, affidabilità e impegno.

Lo troviamo principalmente in due categorie: articoli di uso comune e ai professionisti.

Nel primo caso faccio un esempio concreto: la pasta Barilla è uno dei prodotti culinari più amati dagli italiani e più commercializzati all’estero, i suoi packaging blu fanno leva sulla sicurezza del consumatore di mangiare ogni giorno un piatto di qualità.

Inoltre le sue campagne pubblicitarie sottolineano l’impegno a trasmettere valori sempre verdi come la famiglia, i figli, l’onestà, la lealtà, ecc ecc.

Il blu è anche sinonimo di professionalità e affidabilità, molti avvocati in momenti cruciali della loro carriera indossano un completo blu e il logo di tantissime banche e aziende sanitarie è proprio blu.

E’ anche un colore che aumenta la concentrazione (studiare in una stanza con le pareti azzurre/blu ti fa rendere di più a scuola!) e può creare dipendenza: non a caso i social network più utilizzati (Facebook, Twitter, Linkedin ecc) hanno il blu nel logo e nella grafica.

GIALLO

Il giallo è il colore dell’ottimismo, della felicità e della saggezza!

Il giallo stimola il sistema nervoso e attiva la memoria, infonde positività ed energia e può farti suscitare pensieri creativi!

Ultime precisazioni meritano per:

Le agenzie di viaggio: spesso e volentieri il loro logo è azzurro-giallo-verde o una coppia di questi colori, nell’utente medio, inconsciamente, si richiama l’idea della spiaggia (giallo) e mare (azzurro) o della montagna (verde) e cielo (azzurro) irradiato dal sole (giallo), un logo efficace deve difatti richiamare l’idea di vacanza, di spensieratezza e di luoghi che evadano dalla realtà.

I depliant con le offerte: talvolta puoi trovare ampio uso del colore arancione, teso a evocare un’emozione di convenienza (come dire “vieni non puoi farti scappare questa promozione! Affrettati!”)

Centri estetici e studi di fisioterapia: i colori più usati per loghi e pareti sono il verde chiaro (anche verde acido) e lilla perché trasmettono tranquillità, riposo, rilassamento.

Loghi prestigiosi: a seconda del Paese originari, varieranno i colori e le forme, ma in generale nel mondo occidentale i marchi di lusso adottano il colore nero (o oro) su sfondo bianco e presentano poche linee essenziali.

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *